Biografia


expo40_01

I dipinti di Simone Butturini esprimono il quotidiano nella sua semplicità, attraverso immagini immerse in un’atmosfera metafisica e simbolica, ricorrendo ad una gestualità espressionista e ad un cromatismo fortemente emotivo per lasciar emergere l’intimismo delle proprie idee.

Nato a Verona, Simone Butturini si diploma con lode all’Accademia di Belle Arti e subito frequenta gli studi di pittori e scultori veneto-veronesi di fama europea. Il suo percorso espositivo inizia alla fine degli anni Ottanta, con presenze significative in Italia (Venezia, Verona, Firenze, Milano, Roma, Mantova) e all’estero (Canada, Germania, Francia, Svizzera e Austria). Numerosi i premi e i concorsi nei quali ha ottenuto ottimi consensi; o le pubblicazioni su importanti riviste. Molti suoi dipinti si trovano oggi in musei pubblici e privati. Realtà e visione immaginaria si fondono nei lavori di Simone Butturini. “Dipingo ciò che tace” dice l’artista. Ed è il silenzio, quello della città, di un luogo, di una stanza, della natura, il filo conduttore dei suoi lavori, quell’intimità profonda che va a rivelare la parte più nascosta di ogni individuo, i pensieri dell’anima.

Si sono interessati, fra gli altri, della sua opera i critici: Luca Massimo Barbero, Gabriella Belli, Luigina Bortolatto, Mauro Corradini, Giorgio Cortenova, Marco Cossali, Raffaele De Grada, Floriano de Santi, Marco Goldin, Renzo Margonari, Bruno Rosada, Camillo Semenzato, Pierluigi Siena, Luigi Serravalli, Giorgio Trevisan; di lui hanno scritto gli artisti Luciano Minguzzi, Roberto Maria Siena e Nag Arnoldi. Suoi dipinti figurano in musei pubblici e privati in Italia e all’estero.

ATTIVITA’ ESPOSITIVA

Espone dal 1987 con significative presenze in mostre personali e collettive. Viene selezionato a premi nazionali.

Nel 1992 si classifica secondo al Premio Sobrile a Torino, nel 1994 viene selezionato al Premio Suzzara con acquisto dell’opera, nel 1996 viene selezionato al Premio Arte con mostre a Ravenna e a Roma e viene invitato al Premio Marche. Nel 1995 partecipa alla XLVI Biennale di Venezia e alla Mostra del Centenario presso Villa Pisani di Strà. Nello stesso anno espone in una personale alla Joseph D. Carrier Art Gallery – Main Floor Gallery a Toronto, in Canada. Nel 1998 viene selezionato dalla Galleria del Ponte Rosso – Premio di Pittura Carlo Della Zorza, Milano.  Nel 1999 viene invitato al Premio Lissone. Nel 2000 e nel 2008 viene selezionato al Premio Vasto e nel 2004 riceve il premio alla carriera Città di Verona.  Nel 2017 è semifinalista al Premio Arte Laguna.

Realizza mostre personali al Caffè Letterario Giubbe Rosse a Firenze (2000) e al Museo Bargellini di Pieve di Cento (2002); Spazio BZF di Firenze (2003), e al Palazzo della Gran Guardia di Verona (2007), Fondazione Luciana Matalon a cura di Floriano De Santi Milano (2008), doppia personale con R.Hess Gallerie Der Moderne Max Kattner Berlino (2009), Galleria Narciso Roma (2011), Mantova Galleria Sartori (2013), Università Bocconi Milano, G. Poma Morcote Lugano (2014). È protagonista del cortometraggio di Luca Caserta “La fabbrica della tela” (2014), viaggio nella nascita di un’opera pittorica di Butturini. Espone alla Galleria Poma Morcote Lugano (2015), “Luci e parole” Galleria Ghelfi, Verona (2015), Palazzo Bassani, Sant’Ambrogio di Valpolicella Verona (2015) Istituto Italiano di Cultura, Palais Sternberg, Vienna, a cura di Marco Goldin (2015); Spazio Ordine degli Ingegneri di Verona (2016). Espone alle collettive “Ode alla pittura” a Palazzo Sarcinelli (Treviso) curata da Marco Goldin e“Ensemble”; a Lab174 a Roma e a Arte Spoleto a cura di Chapeau (2017) e “Angeli e artisti nella iglesia de Los Angeles” nel Serrone di Villa Reale a Monza curata da Daniele Crippa (Milano) con il patrocinio della Republica Argentina, Embajada de la Republica Argentina e Italiana. Ha partecipato alla mostra solidale “Nel cuore delle donne” a cura di Arte Cortina a Milano e nel 2018 alla Biennale di Pistoia.


Simone Butturini1

Simone Butturini was born in 1968 in Verona, where he took his degree at the Academy of Fine Arts “G.B. Cignaroli” in Verona, guided by the masters Giuliano Collina and Silvano Girardello. His first personal exhibition was in 1987; amongst the most important ones: Biennale di Venezia (1995); the exhibition within the celebrations for the hundred years in Villa Pisani di Strà (1995); Joseph D. Carrier Art Gallery – Main Floor Gallery in Toronto (Canada, 1995); Museum Bargellini in Pieve di Cento, Ferrara, (2002); at Spazio BZF in Florence (2003) and at Palazzo della Gran Guardia in Verona (2007); foundation Luciana Matalon in Milan edited by Floriano de Santi (2008); double personal exhibition “Simone Butturini – Richard Hess” at Galerie der Moderne Max Kattner in Berlin (2009); Galleria il Narciso in Rome (2011); Galleria Arianna Sartori, Mantova (2013); Università Bocconi in Milan; Galleria Poma, Lago di Lugano, Svizzera (2014). He is the protagonist of the short film by Luca Caserta “La fabbrica della tela (The canvas forge)”, an amazing travel inside one of Butturini’s paintings through sounds and colors, officially presented 7th November 2014 in Sala Farinati in Biblioteca Civica a Verona. Galleria Poma, lago di Lugano (2015), “Luci e parole” Galleria Ghelfi, Verona (2015), Palazzo Bassani, Sant’Ambrogio di Valpolicella Verona (2015) Istituto Italiano di Cultura, Palais Sternberg, Vienna, introduced by Marco Goldin (2015). Ordine degli Ingegneri di Verona e provincia (2016).“Ode alla pittura” in Palazzo Sarcinelli (Treviso) curator Marco Goldin, “Ensemble” in Lab174 Rome and at Arte Spoleto by Chapeau (2017) . In December 2017 he takes part to the collective exposition “In the heart of women” by Arte Cortina in Milan and to “Angels and artists in the iglesia de Los Angeles” in Serrone Villa Reale of Monza (Milan) curator Daniele Crippa with the patronage of Republica Argentina, Embajada de la Republica Argentina e Italiana.

His paintings are shown in several national and private museums in Italy and abroad.

Art critics who take a special interest in his works: Luca Massimo Barbero, Gabriella Belli, Luigina Bortolatto, Mauro Corradini, Giorgio Cortenova, Marco Cossali, Raffaele De Grada, Floriano de Santi, Marco Goldin, Renzo Margonari, Bruno Rosada, Camillo Semenzato, Pierluigi Siena, Luigi Serravalli, Giorgio Trevisan; di lui hanno scritto gli artisti Luciano Minguzzi, Roberto Maria Siena and Nag Arnoldi.